• Non piangere che dicembre arriva presto
Non piangere che dicembre arriva presto

Non piangere che dicembre arriva presto

Dal racconto di una riga, umoristico e paradossale, a quello di varie pagine con tutta la tensione drammatica della resi stenza alla dittatura, queste storie, aquiloni di fantasia nel cielo torbido della cronaca, toccano molte corde, dominicane e di ogni luogo, dallo stordimento alcolico della musica alla violenza di genere, dallo sperduto paesino di frontiera raggiunto da internet all'ospizio dove finiscono i boia, dall'onnipresenza dei delatori a un amore per sordomuti, da una madre che non deve addormentarsi (perché chi appare nei suoi sogni muore) fino al peggior incubo del dinosauro: l'uomo. Vedi di più