• Cinquanta sfumature di oro bianco
Cinquanta sfumature di oro bianco

Cinquanta sfumature di oro bianco

L'oro bianco presenta sfumature molteplici, variegate. L'oro bianco è pregiato, è richiesto, è conteso, è facile preda d i famelici squali che con il suo bagliore risplendono di luce propria, ma anche nostra. L'oro bianco è il marmo di Carrara, esportato e desiderato in ogni dove ed in ogni epoca, agognato da mercanti nostrani e forestieri perché nutra la loro cieca vanità, prelibata materia per affermati artisti e passionali scultori. L'oro bianco regala l'idea, affascinante, di una terra ricca e prospera grazie ai proventi della nobile e rinomata pietra, terra foriera di opportunità, lavoro, denaro pubblico da redistribuire, meta per turisti e curiosi, terra d'arte. L'oro bianco non concede nulla di tutto ciò. L'oro bianco porta denaro, ed il denaro, da queste parti, circola in mani sporche e insanguinate. Per estrarre il marmo si può morire. L'oro bianco sovente si tinge di rosso. Montagne stuprate, violentate, tagliate e sventrate senza più ritegno, in nome di un denaro che in poche mani muore. Una tiepida mattina di novembre, una funesta alluvione, un argine di cartapesta. La devastazione dell'acqua, la rabbia, la scintilla. Ed un'acerrima nemesi: le varie forme di mafia che aleggiano, gravi, su Carrara, come nuvole maligne e pesanti. Vedi di più