• La preghiera. Per ritrovare noi stessi
La preghiera. Per ritrovare noi stessi

La preghiera. Per ritrovare noi stessi

È attraverso la preghiera che l'uomo comunica con il Divino, per propiziarselo, per glorificarlo o per ringraziarlo, e c omunque per il bisogno che ha sempre avuto di riuscire a influenzare per il proprio bene ciò che accade o accadrà. Ogni religione ha i suoi strumenti simbolici per creare e mantenere questo contatto: suoni, canti, mantra; mudra, genuflessioni, segno della croce; rosari, ruote di preghiera... Tanti i modi di pregare, tanti anche gli intermediari del Divino, gli Dèi, gli Angeli, i Santi. Così gli autori ci guidano lungo il percorso che ha tracciato questa ricerca dell'umanità nella sua storia e nelle sue numerose espressioni presso le varie culture. E nel cammino ci suggeriscono come poter agire con la preghiera a beneficio della nostra vita sia fisica che spirituale. Perché il Divino non è "altro" da noi, non è altrove, esso è dentro di noi: espressione del Logos, l'uomo è della stessa sostanza di Dio e attraverso la preghiera ristabilisce quella riunificazione all'Infinito che i limiti del suo essere materiale gli impediscono. È qui che Pia Vercellesi e Giampaolo Gasparri intendono soprattutto condurci, a trovare la presenza del Divino dentro di noi per poterci relazionare e operare con lui in un dialogo continuo. Vedi di più